Venerdì, 27 Aprile 2018 18:03

Il giardinaggio a scuola

Una delle attività più tipiche nella scuola concepita dalle sorelle Agazzi, a cui le stesse hanno attribuito grande rilevanza nell’elaborazione delle loro linee pedagogiche, è il giardinaggio: questa attività si ritrova, infatti, spesso e con insistenza nelle loro opere.

Individuano nel giardinaggio molteplici scopi: ai bambini, lavorando in apposite aiuole e con appositi attrezzi e piacevolmente occupati in un’attività utile e all'aria aperta, offre la soddisfazione di veder nascere il fiore o il frutto del loro lavoro, consentendogli di sviluppare un rapporto positivo con l'ambiente e con la natura; è utile per sviluppare nei bambini l'intuizione idealistica ed una dimensione estetica, quali l'armonia e la bellezza; favorisce, infine, l’educazione al senso della proprietà e delle responsabilità.

Il giardinaggio a scuola

Ed allora ecco i nostri alunni delle classi III, IV e V primaria che, approfittando della magnifica giornata di sole, si dedicano alla cura del nostro giardino, occupandosi anche di travasare le diverse e variopinte piantine che hanno procurato.

 

 

Pubblicato in In evidenza
Venerdì, 30 Maggio 2014 18:08

Mostra didattica a.s. 2013-2014

L'anno scolastico 2013-2014 si è concluso giovedì 29 maggio 2014 con la Mostra didattica allestita dalle insegnanti e dagli alunni della Sezione Primavera, della Scuola dell'Infanzia e della Scuola Primaria AGAZZI.

Benvenuti alla Mostra didattica 2013-2014

Gli ampi spazi a disposizione della struttura hanno consentito di accogliere l'esposizione dei lavori che sono stati realizzati dagli alunni durante tutto il periodo scolastico: nelle rispettive classi, gli alunni hanno accolto i numerosissimi genitori accorsi per apprezzare i progressi realizzati dai figli ed i vari argomenti trattati negli approfondimenti delle  tematiche scelte nei rispettivi percorsi didattici.

Queste, in sintesi, le tematiche che le insegnanti hanno proposto agli alunni:

Sezione Primavera e Scuola dell'Infanzia

 

"IL CASTELLO DELLA FELICITA'" è il titolo del percorso didattico scelto dalle insegnanti: attraverso la creatività e la fantasia il bambino si sente protagonista di un fare che sollecita il sapere.

Il castello, infatti, che nell'immaginario dei bambini è un luogo magico dove si intrecciano storie fantastiche con principi e prinicpesse, dame e cavalieri, è stato lo sfondo di una magica avventura che ha offerto l'opportunità ai bambini di fare, inventare ed imparare.

La scuola è stata resa dalle insegnanti e dai bambini stessi un ambiente accogliente, motivante e stimolante che ha permesso di compiere esperienze significative, portando il bambino ad acquisire una positiva e consapevole immagine di sè, consentendogli poi di relazionarsi con gli altri:

  • l'uccellino Pallino ha insegnati che ogni bambino deve crescere imparando a difendersi;
  • il draghetto Gastone ha fatto comprendere ai bambini che il coraggio si dimostra nell'aiutare il prossimo;
  • attraverso la figura di sir Squitt il bambino è stato guidato a seguire un'alimentazione sana ed equilibrata e a praticare attività fisica per mantenersi in forma ed in salute;
  • infine, la storia del principe Giovanni ha aiutato il bambino a capire che la gioia non sta nell'accumulo di ricchezze bensì nell'amicizia e nell'amore, che permettono di condividere momenti speciali.

 

Scuola Primaria

 

Classe I e Classe II

Il percorso "LA STORIA PERSONALE"seguito dagli alunni ha consentito di creare un album in cui sono state raccolte testimonianze per promuovere la costruzione dell'identità individuale ed i cambiamenti subiti nel tempo.

L'indagine sulla propria storia, sul proprio contesto di vita, su affetti e relazioni, sul rapporto passato-presente diventa, dunque, contenuto fondamentale per il cammino sulla conoscenza di sè.

Classe III

Forse la musica è nata quando l’uomo ha cominciato ad imitare i rumori della natura.

Partendo da questa considerazione di un alunno, le insegnanti hanno sviluppato i vari e vasti argomenti che toccano il "MONDO DELLA MUSICA":partendo dalle forme musicali del periodo preistorico (consistenti in danze e canti di carattere sacro o magico, destinate a propiziarsi gli dei) per giungere allo studio dei primi strumenti realizzati con oggetti usati nel quotidiano.

Non poteva mancare l'approfondimento dell'aspetto comunicativo della musica in tutti i suoi connotati: dal semplice bisogno dell’uomo di comunicare, al grido di paura ed all’urlo di gioia, con la ricerca della parola che vuole esprimere un’ emozione o un sentimento più intenso, con il battere ritmico dei piedi o delle mani.

Classe IV

L’obiettivo primario perseguito dagli alunni è stato quello di costruire un opuscolo "I HAVE A DREAM" che descrivesse la nascita e lo sviluppo della schiavitù.

Le insegnanti hanno cercato di far comprendere agli alunni che la schiavitù non è un diritto di proprietà di un uomo su un altro, sulla sua famiglia, sui suoi figli, ma che ogni persona nasce libera, con propri diritti e doveri e che ,come tale, deve esprimere le proprie opinioni.

Le insegnanti hanno, inoltre, approfondito la tematica evidenziando come nel mondo ci sono state e ci sono ancora persone che hanno avuto il coraggio di liberarsi pacificamente a questa forma di violenza: da Abraham Lincoln a Martin Luther King ed a John Fitzgerald Kennedy e tante altre.

Oltre a studiarne i personaggi, hanno ripercorso le loro battaglie affinchè si giungesse finalmente all’emanazione di leggi sull’abolizione della schiavitù, constatando anche che, purtroppo, oggi non è ancora terminata, ma persiste un po’ in tutti i Paesi del mondo, anche in Italia.

Le insegnanti hanno dunque cercato di educare i bambini al riconoscimento della dignità umana e dei conseguenti diritti, fondamentali per vivere nella libertà, nella giustizia e nella pace.

Classe V

Quest’anno i bambini della classe V a conclusione del loro ciclo di studi hanno voluto porre la loro attenzione sulla conoscenza della rete informatica (INTERNET), soffermandosi sulle caratteristiche fisiche e pratiche di un fenomeno che oggi giorno coinvolge tutto il pianeta.

Il loro interesse verso questa tematica è stato particolarmente vivo e costante, poiché la loro dimestichezza nei confronti della rete è talmente elevata da far pensare che i bambini e la digitalizzazione siano un tutt’uno.

Proprio per questo motivo è stato posto l’accento sui relativi problemi che internet, utilizzato in maniera scorretta, può procurare soprattutto alla sfera dell’infanzia...ed è a tal proposito che facendolo conoscere sotto tutti gli aspetti le insegnanti hanno aiutato i bambini a comprenderlo e a sapersi difendere da talune sfaccettature sgradevoli e diseducative.

Guarda la gallery completa della Mostra didattica a.s. 2013/2014

 

Pubblicato in Mostre
Top